I sindaci dell’Elba salgono sul tetto dell’ospedale contro i tagli ai reparti

See on Scoop.itGazzetta Elbana

Appena ieri il sindaco di Portoferraio Roberto Peria (Pd) si era dimesso contro la chiusura di chirurgia…

 

PORTOFERRAIO – Quattro sindaci di alcuni comuni dell’Isola d’Elba, Anna Bulgaresi, sindaco di Marciana, Andrea Ciumei, sindaco di Marciana Marina, Vanno Segnini, sindaco di Campo nell’Elba e Luca Simoni, sindaco di Porto Azzurro, sono saliti sul tetto dell’ospedale di Portoferraio per protestare contro la chiusura di alcuni reparti e servizi. Sono stati raggiunti anche dal sindaco di Portoferraio Roberto Peria, dimissionario da ieri a causa sempre dei problemi della sanità elbana, e da Danilo Alessi, sindaco di Rio nell’Elba. L’ospedale isolano è nel mirino dei tagli su cui discutono Regione Toscana ed Asl.LE DIMISSIONI DEL SINDACO DI PORTOFERRAIO – Appena ieri il sindaco di Portoferraio Roberto Peria (Pd) si era dimesso contro l’ipotesi dei tagli all’ospedale, fra cui la chiusura del reparto di chirurgia. La protesta potrebbe durare tutto il giorno. «Mi vedo costretto a rassegnare le dimissioni – scrive Peria nella lettera di dimissioni – e lo faccio in perfetta coerenza con gli impegni pubblicamente assunti, nel caso che la battaglia istituzionale in difesa della nostra sanità non avesse avuto esito soddisfacente». Un anno fa, come ricorda il sindaco, cinquemila persone scesero in piazza per chiedere un forte rilancio dei servizi sanitari sull’isola d’Elba, e qualche tempo dopo ci fu un accordo con l’assessore Scaramuccia per garantire tre medici al reparto di ortopedia, creare una unità complessa di medicina generale, e riqualificare il reparto chirurgico in un complessivo ‘progetto Elbà che tenesse conto delle richieste presentate in conferenza dei sindaci: «Di tutto questo – spiega Peria – pressochè niente si è concretizzato. Siamo stati anzi informati dall’Azienda che scomapriranno dalla programmazione finanziaria gli ultimi 467 mila euro che la Regione eroga per l’insularità. La mancata realizzazione degli accordi del 2011 e i nuovi tagli prefigurano un presidio ospedaliero che no sarà più tale: senza una chirurgia vera, senza un’ortopedia efficiente, senza una medicina riqualificata non c’è più un ospedale». «Rassegno le mie dimissioni – scrive ancora Peria – sperando che con un passo indietro se ne possa fare uno in avanti. Sono dimissioni non per andarsene, ma per difendere i diritti dei cittadini elbani: un ultimo tentativo per avere le risposte che finora non abbiamo ottenuto, anche dallo Stato». Le dimissioni presentate oggi dal sindaco tra venti giorni saranno definitive e irrevocabili, ma se ci fossero sviluppi positivi Peria potrebbe tornare sui suoi passi: «Se in questo periodo di tempo vi saranno interventi o mutamenti sostanziali – conclude il sindaco di Portoferraio – sarò ben lieto di rivedere la mia posizione».

 

08 novembre 2012 – corrierefiorentino.corriere.it

See on corrierefiorentino.corriere.it

Annunci

Se non puoi inviarci un'email lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: