Presentazione Isola Etica

 L’Associazione Isola Etica nasce nel 2011 all’Isola d’Elba dalla volontà comune dei suoi fondatori.

 La linea guida principale è basata sul sentimento di una necessaria azione di difesa del patrimonio culturale storico ed etico del nostro paese – nell’attuale contesto di immiserimento e commiserazione in cui versa, soprattutto per quel che concerne le possibilità dei soggetti più deboli che criticamente in aumento stanno dando vita ad una nuova classe sociale: quella degli ignoranti.

 Dopo un secolo di conquiste – nel diritto umano, civile, al lavoro e all’istruzione – la società italiana ha imboccato l’inesorabile via dell’involuzione.

 I media pubblici, la scuola e i sindacati non hanno saputo porre resistenza all’onda nera del tracollo culturale, diventa quindi fondamentale una reazione associativa di privati tenacemente atti alla salvaguardia e lo sviluppo di una rete di sapere che restituisca dignità all’identità culturale di questo paese spaesato – favorendo l’istruzione e l’informazione in tutte le sue forme libere, difendendo diritti e promuovendo l’assistenza ai diversamente cittadini. Il lavoro, l’istruzione, la maternità, la salute e la giustizia. Tutti diritti civili ignorati o calpestati

 Per tutte quelle forme di espressione artistica e/o culturale che muovono a sostegno di questi diritti fondamentali Isola Etica si propone di essere presente divulgando e promuovendo con tutti i mezzi tutto il materiale che riterrà interessante per compiere la propria missione.

 Nell’intento di portare avanti i valori di pace e giustizia attraverso la difesa della legalità veicolati dalle arti – alcuni cittadini si sono riuniti in associazione per promuovere la libera cultura e i diritti civili partendo dal suolo natio ma con lo sguardo rivolto al mondo.

 L’associazione si rivolge ad operatori dell’arte, dello spettacolo e del diritto, studenti, comuni cittadini e volontari che intendono collaborare animati da puro spirito di giustizia, memoria storica e amor di conoscenza:

 Per rispondere ai bisogni dei soggetti più deboli, interpretando il diritto come “limite al potere” e difesa delle libertà e dell’eguaglianza e non già come strumento d’oppressione, repressione e sopraffazione dei diritti umani per legittimare gli abusi di autorità commessi da soggetti privati in posizione dominante o da governi dispotici e oligarchici; attraverso la valorizzazione e la divulgazione del patrimonio etico di Pietro Ernesto Gori, dell’isola d’Elba e delle sue radici culturali e storiche.

 Per cambiare il volto dell’avvocatura e della giustizia, della cultura e dello spettacolo, dell’istruzione e dell’informazione;

 Per trasformare in realtà il “sogno impossibile” di tutti gli uomini di buona volontà di affermare in concreto il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e l’effettiva indipendenza della magistratura da ogni ingerenza e potere esterno, garantendo la supremazia della ragione e del diritto; per affermare inoltre il diritto allo studio e alla formazione culturale e professionale, il diritto al lavoro e la giustizia sociale;

 Per garantire il diritto di difesa e l’accesso alla giustizia di tutti i cittadini, senza distinzione di razza, lingua, religione, opinioni politiche e condizioni sociali; e l’accesso alla cultura, al patrimonio artistico storico e all’informazione;

Annunci

Un Commento

  1. Hi, this is a comment.
    To delete a comment, just log in, and view the posts’ comments, there you will have the option to edit or delete them.

Se non puoi inviarci un'email lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: